Dallas: arriva a fatica la prima W

Niccolò Pascale
07.11.2016 19:15
DALLAS - La nuova stagione regolare dei Dallas Mavericks del proprietario Mark Cuban è iniziata decisamente col piede sbagliato. Le prime cinque uscite dei texani si sono trasformate in cinque nette sconfitte, due in casa e tre lontano dal parquet dell'American Airlines Center. Il patron Cuban chiaramente non ha preso bene questa situazione e si è lamentato più volte su Twitter persino del fatto che la sua squadra non avesse un giornalista che la seguisse per tutta la stagione, ma non è tutto. Il numero 1 dei Mavs ha addirittura negato l'accredito per l'accesso al palazzetto di Dallas ai giornalisti di ESPN Marc Stein e Tim MacMahon per le ultime due partite della squadra. 153b2971b2d9454b96cc5f61784f9089_t1070_hd605cf3a53fe2bbc61f016197559c44da25fa337 La penultima partita è stata la quinta sconfitta consecutiva dove tra le mura amiche i Portland Trail Blazers si sono imposti per 105-95, ma nella notte, per fortuna dei tifosi Mavs, la squadra ha reagito al momento difficile ed ha battuto i Milwaukee Bucks dopo un overtime. 86-75 il risultato finale con un parziale di 12-1 nell'overtime per i ragazzi di coach Carlisle che finalmente si sono sbloccati ed hanno cancellato i timori dell'inizio di stagione. Protagonista assoluto è stato l'ex Warriors Harrison Barnes che ha addirittura registrato il suo career high in NBA mettendo a referto ben 34 punti (13/26 dal campo con due triple, 8 rimbalzi e 2 assist). Una grossa mano a Barnes l'ha data anche J.J.Barea, portoricano con un titolo in saccoccia (chiedere agli Heat e a King James) che ha segnato 21 punti. Adesso per i Mavericks arriva il momento della verità perché tra due giorni inizia un durissimo giro di trasferte che partirà Los Angeles sponda Lakers e terminerà al TD Garden di Boston, passando per Golden State e New York.  La reazione è arrivata così come la prima agognata vittoria, ma Dallas non può essere sazia. Nelle prossime partite dovrà dimostrare di aver ritrovato la fiducia persa altrimenti il proprietario Cuban potrebbe perdere una pazienza già messa a dura prova... Niccolò Pascale

Commenti

I SIGNORI DELLA NBA: Derek Fisher
07/11/91: Magic Johnson e quella cicatrice senza tempo